Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
Caos vaccini. Si cambia ancora. AstraZeneca solo agli over 60. J&J ancora privo di valutazioni benefici-rischi. 900mila persone dovrebbero fare la seconda dose dopo la prima con AstraZeneca.
Sanità di nuovo nel caos e nuova iniezione di sfiducia tra la gente. AstraZeneca, in seguito al caso della 18enne morta in Liguria dopo la vaccinazione volontaria, è stato nuovamente rimodulato: sarà inoculato solo agli over 60.

Si cambia ancora dunque. Ogni volta che accade un caso si cambiano le regole. Il tutto senza un perché. Purtroppo con i farmaci può accadere: vaccini o altro. Ci possono essere effetti collaterali anche gravi.

Dispiace per la 18enne, dispiace per la famiglia ma un caso di effetti collaterali gravi su migliaia di inoculazioni non dovrebbe far cambiare le regole del gioco a partita in corso. E, invece, la politica italiana insegue sempre le emozioni del momento, e la ricerca spasmodica di consenso e voti, senza dimostrare di essere in grado di gestire davvero le situazioni e le emergenze.

E così tantissimi docenti delle scuole, cui è stata somministrata la prima dose di AstraZeneca, in totale 900.000 persone, dovranno fare da cavia in quanto a loro sarà somministrata - come richiamo - una dose di Pfizer o Moderna.

Su questa metodologia, ossia il mix di vaccini diversi (AZ a adenovirus e gli altri ad RNA messaggero), i dubbi sono moltissimi e non è chiaro quali e quanti possano essere gli effetti collaterali anche gravi cui la gente potrebbe esporsi.




Su questo punto interviene anche il direttore di Assud cui il 23 marzo è stata somministrata la prima dose di AstraZeneca e che il 15 giugno dovrà ricevere la dose di richiamo (a questo punto Pfizer o Moderna): "Onestamente non mi sembra corretto sottoporre 900.000 persone al mix di vaccini senza che ci siano studi adeguati in merito. Personalmente non mi va di fare da cavia perché chi governa si lascia trasportare dalle emozioni del momento. A volte mi viene da pensare che su AstraZeneca sia in corso un boicottaggio organizzato: perché si parla solo di malori e decessi dopo questo vaccino quando sappiamo che accade anche con gli altri? Perché i media non danno lo stesso risalto e lo stesso clamore ai fatti avversi che accadono a chi si è vaccinato con altri vaccini e non AstraZeneca? Perché la politica non interviene allo stesso modo? I cronisti dei media più grandi dovrebbero fare più domande e non rilanciare comunicati stampa e veline di palazzo".

Anche J&J, intanto, ha i suoi problemi. Non ci sono ancora conoscenze sufficienti per stabilire una analisi dei benefici e dei rischi. Fantastico.
Si è parlato, mesi fa, di 7 morti su 6 milioni di somministrazioni. Praticamente pari a zero, anche se dispiace per le sette persone e i loro familiari, eppure anche in questo caso la narrazione è talmente negativa da risultare poco credibile.

Minare la fiducia della gente, ad ogni modo, in piena campagna vaccinale è un grave errore. Si rischia di non raggiungere l'obiettivo dell'immunità a settembre.

Staff

Sostieni l'informazione libera di Assud

1) Fai una donazione
2) Acquista un banner pubblicitario (contattaci)
3) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
4) Condividi questo articolo
5) Seguici su Facebook

CLICCA E DONA CON PAYPAL

Assud non percepisce contributi pubblici per l'editoria, non riceve denaro da lobby e nessun giornalista è iscritto a partiti politici. Privandoci del denaro, gestito da politici o da affaristi, riusciamo a mantenerci liberi e indipendenti.


Cerca

Cerca in Google
 
Cerca in Assud
 

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Scontato su Shop Like a Bomber

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Ads

Flash