Tony Currenti: il catanese alla batteria degli AC/DC in "High Voltage"


Tony Currenti registrò "High Voltage" degli AC/DCIntervista a Tony Currenti. Nel 1974 registrò 8 brani in "High Voltage", disco della band australiana Ac/Dc. Riscoperto nel 2014 da un giornalista che ha capito che lui era il Tony Kerrante indicato sulla copertina.

08-02-2017 Spettacoli

Approfondisci

La trasformazione di Google in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business …


Evento SEO 2017 - 13 dicembre 2016 - VicenzaGoogle e l'indice mobile e il suo processo di trasformazione in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business aziendale. Si è trattato del primo evento del genere in Italia ed è stato organizzato a Grisignano di Zocco (VI) presso Sanmarco Informatica spa lo scorso 13 dicembre 2016.

21-12-2016 Vicenza

Approfondisci

Condominio: non esiste il vivi e lascia vivere

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

24-05-2015 Attualità

Approfondisci

Domenica del Buon Ritorno: a Vicenza l'happy hour per i bikers


Il 3 giugno ricomincia la Domenica del Buon Ritorno: il momento di incontro con buffet gratuito dedicato a tutti i bikers che passeranno da Vicenza. Ad organizzare è il The Big a Torri di Quartesolo.

29-05-2018 Attualità

Approfondisci


Popolo dei contestatori dove sei?C'era una volta il popolo dei contestatori di Silvio. Sempre in strada e protestare. Perché oggi, che le cose vanno pure peggio, se ne sta nascosto?

Dove sta il popolo dei contestatori di Silvio?Sembra l'inizio di una favola: c'era una volta un popolo. Un popolo che anelava alla giustizia sociale, all'uguaglianza, ai diritti per tutti. Che scendeva in strada per difendere l'articolo 18 e la Costituzione e se la prendeva con i governanti iscritti alla massoneria.

Oggi che l'articolo 18 non c'è più (ormai tutti a tempo determinato per tre anni o meglio "tutti a progetto per tre anni") e c'è un contratto che piace alle aziende (tanto pagano i cittadini per gli sgravi fiscali alle aziende); oggi che le tasse sono aumentate (in particolar modo quelle locali grazie ai tagli del governo alle regioni e ai comuni); oggi che la Costituzione viene massacrata e il Parlamento svilito e depredato del suo ruolo di controllore del Potere governativo... oggi nessuno scende in strada a protestare in modo pacifico.

Dove siano finiti i girotondini, il popolo viola, gli arancioni e tutti i contestatori non è dato sapere.

Quando Silvio tentava un'operazione la gente scendeva in strada a valanga e Silvio non concludeva. Oggi che, invece, tutto va peggio che con Silvio e gli italiani pagano sempre più tasse e sono sempre più senza lavoro, non c'è un'anima candida che stia lì a protestare.

Tutto ciò è alquanto deludente. Il solo dato relativo alla disoccupazione, specie quella giovanile, sarebbe già motivo di protesta e lo è in qualsiasi Paese civile.

E per protesta non si intende l'andare a sfasciare vetrine e città ma solo il far sentire la propria voce in modo pacifico e non-violento.

Una sorta di dissenso civile. Probabilmente è chiedere troppo all'italiano medio. Del resto lamentarsi è molto più facile che impegnarsi.

Staff
(Evitiamo equivoci e strumentalizzazioni: chi ha scritto non è di destra e non si riconosce in questa "sinistra")
Pin It

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Su DonNitto Marketplace

T-shirt e accessori

Flash

Ads