Nightlife del Veneto: le imprese vogliono riaprire

Il settore della nitghlife e della vita notturna, in Veneto, sta soffrendo a causa della diffusione del COVID-2019, un coronavirus. Panico e allarmismo davvero esagerati rischiano di mettere in ginocchio un intero settore.

01-03-2020 Spettacoli

Approfondisci

Covid 19 - Riaprire locali e palestre garantirebbe controlli più efficaci

Tanti ristoratori riaprono i battenti dei loro locali il 15 gennaio. Troppe spese, pochissimi incassi e ristori ridicoli dal Governo. Riaprire permetterebbe più controlli.

15-01-2021 Attualità

Approfondisci

Ritrovate numerose opere inedite dello storico siciliano Vincenzo Fallica

Ritrovate numerose opere inedite dello storico catanese Vincenzo Fallica.

07-06-2019 Cultura

Approfondisci

Covid19: più controlli contro la Movida? Bisogna aprire tutto H24

Esercito, polizia, transenne, sbarre. Ai politici non piace che la gente torni a divertirsi un po' dopo mesi di chiusura a causa del Covid19.

23-05-2020 Attualità

Approfondisci


Popolo dei contestatori dove sei?C'era una volta il popolo dei contestatori di Silvio. Sempre in strada e protestare. Perché oggi, che le cose vanno pure peggio, se ne sta nascosto?

Dove sta il popolo dei contestatori di Silvio?Sembra l'inizio di una favola: c'era una volta un popolo. Un popolo che anelava alla giustizia sociale, all'uguaglianza, ai diritti per tutti. Che scendeva in strada per difendere l'articolo 18 e la Costituzione e se la prendeva con i governanti iscritti alla massoneria.

Oggi che l'articolo 18 non c'è più (ormai tutti a tempo determinato per tre anni o meglio "tutti a progetto per tre anni") e c'è un contratto che piace alle aziende (tanto pagano i cittadini per gli sgravi fiscali alle aziende); oggi che le tasse sono aumentate (in particolar modo quelle locali grazie ai tagli del governo alle regioni e ai comuni); oggi che la Costituzione viene massacrata e il Parlamento svilito e depredato del suo ruolo di controllore del Potere governativo... oggi nessuno scende in strada a protestare in modo pacifico.

Dove siano finiti i girotondini, il popolo viola, gli arancioni e tutti i contestatori non è dato sapere.

Quando Silvio tentava un'operazione la gente scendeva in strada a valanga e Silvio non concludeva. Oggi che, invece, tutto va peggio che con Silvio e gli italiani pagano sempre più tasse e sono sempre più senza lavoro, non c'è un'anima candida che stia lì a protestare.

Tutto ciò è alquanto deludente. Il solo dato relativo alla disoccupazione, specie quella giovanile, sarebbe già motivo di protesta e lo è in qualsiasi Paese civile.

E per protesta non si intende l'andare a sfasciare vetrine e città ma solo il far sentire la propria voce in modo pacifico e non-violento.

Una sorta di dissenso civile. Probabilmente è chiedere troppo all'italiano medio. Del resto lamentarsi è molto più facile che impegnarsi.

Staff
(Evitiamo equivoci e strumentalizzazioni: chi ha scritto non è di destra e non si riconosce in questa "sinistra")
Pin It

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Su MescalPeyoBook

PREZZIBASSI.SHOP


Prodotti a prezzi bassi

Tanti prodotti a PREZZI BASSI

www.prezzibassi.shop


Flash

Ads