Tony Currenti: il catanese alla batteria degli AC/DC in "High Voltage"


Tony Currenti registrò "High Voltage" degli AC/DCIntervista a Tony Currenti. Nel 1974 registrò 8 brani in "High Voltage", disco della band australiana Ac/Dc. Riscoperto nel 2014 da un giornalista che ha capito che lui era il Tony Kerrante indicato sulla copertina.

08-02-2017 Spettacoli

Approfondisci

La trasformazione di Google in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business …


Evento SEO 2017 - 13 dicembre 2016 - VicenzaGoogle e l'indice mobile e il suo processo di trasformazione in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business aziendale. Si è trattato del primo evento del genere in Italia ed è stato organizzato a Grisignano di Zocco (VI) presso Sanmarco Informatica spa lo scorso 13 dicembre 2016.

21-12-2016 Vicenza

Approfondisci

Condominio: non esiste il vivi e lascia vivere

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

24-05-2015 Attualità

Approfondisci

Il Lider Maximo Fidel Castro è morto a 90 anni

E' morto Fidel CastroFidel Castro, leader maximo di Cuba, è morto a 90 anni lo scorso 25 novembre 2016. Era al potere dal 1959. L'uomo che ha incarnato l'ideale della rivoluzione. "Hasta la victoria siempre. Patria o muerte!".

27-11-2016 Esteri

Approfondisci

Trump: presidenza a tempo?Il partito Repubblicano ha in mano le sorti del Presidente Donald J. Trump che corre dritto verso l'impeachment. Saranno i Repubblicani a mandarlo a casa. Su change.org c'è già una petizione che chiede la destituzione del presidente.


Sarà il partito repubblicano a mandare Trump a casaLa Presidenza Trump, negli Stati Uniti, avrà una durata relativa. Tutto dipenderà dal partito Repubblicano che ha il coltello dalla parte del manico. Una presidenza a tempo.

Diciamola tutta: Trump non è un Repubblicano, non fa parte del partito, non ne ha condiviso i principi. Già tempo fa aveva detto che se mai si fosse messo in politica lo avrebbe fatto con i Repubblicani poiché i loro elettori le stupidaggini le bevono tutte. E così, infatti, è stato.

Trump ha vinto le primarie nonostante il partito fosse contro ed ha dovuto accettare Mike Pence come vice. Pence è il vero uomo del partito Repubblicano e in caso, molto probabile, di impeachment andrebbe al posto di Trump per "dovere".

Si tratta di un tipico scenario della democrazia americana. Trump è inviso al partito Repubblicano ed è inviso alla maggioranza della popolazione.

L'impeachment è dietro l'angolo anche per i suoi comportamenti scorretti: ha molte cause legali da risolvere, non ha lasciato la gestione delle aziende (l'ha data ai figli che però fanno parte della sua squadra).

Lo scenario politico più probabile, per adesso, è questo: il partito Repubblicano fa fare tutte le riforme - anche le peggiori - a Trump che da grande egocentrico ne vorrà persino i meriti (anche se disastrose ma non lo capirà). Ecco cosa potrebbe fare: eliminare ogni forma di stato sociale (ha già firmato contro l'Obamacare), liberalizzare ancora di più la vendita di armi, dare più potere ai generali dell'esercito, mettere le persone sbagliate ai posti di comando nelle varie agenzie federali.

Da mettere in conto la strana amicizia con il leader russo Putin. Da oltre 50 anni, la inventò il senatore McCarthy, negli Stati Uniti si parla di "caccia al comunista". Da decenni e decenni la propaganda americana si è espressa anche mediante i fumetti (vedi Capitan America contro la minaccia del Teschio Rosso, un misto tra tedeschi e russi). Adesso, con Trump, improvvisamente scoppia l'amicizia. Questa strana coppia, ovviamente, è indigesta ad ogni americano (non solo repubblicano).

Su change.org c'è già una petizione per chiedere al Congresso di attivare la procedura di impeachment per Trump.

Il partito Repubblicano, insomma, giocherà come il gatto col topo e dopo se ne sbarazzerà dando spazio a Pence. Al primo grossolano errore Trump andrà a casa coperto da onta e disonore. Trump, adesso, non può far nulla poiché il gioco è in mano al partito.

Obama, che ha promesso di intervenire, farebbe meglio a star zitto. Potrebbe correggere errori del Presidente. Meglio lasciarlo fare: più sbaglia, prima lo mandano a casa.

Se, invece, Trump si mostrerà moderato e allineato - cosa piuttosto inverosimile - allora il suo mandato potrebbe anche durare.

G.B.F.


Pin It

Flash

Ads