Cafè Racer: il sabato pomeriggio per i motociclisti è al Mada Cafè Club …

Cafè Racer è l'appuntamento del sabato pomeriggio per i motociclisti e i bikers al Mada Cafè & Club. Basta avere una due ruote a motore!
L'EVENTO E' FISSATO PER IL GIORNO 8 GIUGNO 2019. DALLE 17 ALLE 20.


01-05-2019 Veneto e Nordest

Approfondisci

Ineluttabile: che tristezza imparare questo termine da un film

Ineluttabile. In tanti hanno scoperto questo termine solo grazie a un film. Forse la gente dovrebbe ricominciare a leggere i libri.

01-05-2019 Cultura

Approfondisci

Condominio: non esiste il vivi e lascia vivere

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

24-05-2015 Attualità

Approfondisci

Tony Currenti: il catanese alla batteria degli AC/DC in "High Voltage"


Tony Currenti registrò "High Voltage" degli AC/DCIntervista a Tony Currenti. Nel 1974 registrò 8 brani in "High Voltage", disco della band australiana Ac/Dc. Riscoperto nel 2014 da un giornalista che ha capito che lui era il Tony Kerrante indicato sulla copertina.

08-02-2017 Spettacoli

Approfondisci


Trump si è insediato alla Casa BiancaDonald Trump si è insediato quale 45° Presidente degli Stati Uniti d'America. Nel suo discorso di insediamento racconta un'America che non esiste e prende vari spunti dai discorsi di Theresa May, primo ministro del Regno Unito. Per governare il Paese più capitalista del mondo scomette sul Protezionismo. C'è poco da essere entusiasti.



Trump si insedia il 20 gennaio 2017Disegna un'America che non esiste e forse non ci crede neanche lui alle parole che proferisce. Donald Trump, nel discorso di insediamento quale 45° Presidente degli Stati Uniti, inventa di sana pianta un Paese federale devastato come se stesse uscendo molto ferito da una guerra interna.

Non è così ed è bene dirlo. Barack Obama non ha lasciato un Paese distrutto e ridotto in macerie. Se Trump si è permesso già di promettere ben 25 milioni di posti di lavoro solo per gli americani (il nostro Berlusconi si fermò ad 1 e non ci riuscì), significa un'altra cosa.

Obama ha affrontato 8 anni di durissima crisi economica ed è riuscito a portare fuori dalle difficoltà gli Stati Uniti d'America. Il merito è di Obama e non si deve dimenticare. Obama sta lasciando un'America con più diritti civili e più uguaglianze. Un Paese migliore.

Se per Trump queste sono macerie figuriamoci cosa riuscirà a fare lui dato che ha già promesso di eliminare l'ObamaCare ossia la sanità pubblica per tutti.

Sarebbe un enorme controsenso: dunque se il Paese è allo sfascio economico e non c'è lavoro bisognerebbe dare tutele ai cittadini e non toglierle. Forse la situazione interna è decisamente migliore di quanto non racconti Trump? Sicuro. I suoi atti, altrimenti sarebbero contraddittori. Ammesso che conosca gli atti che firma.



Vuole il protezionismo Trump ma ha bisogno della nafta che arriva dal Messico. Qualcosa, dunque, non quadra. E' evidente che con i toni pessimi del suo discorso Trump ha dovuto accontentare qualcuno mentre ad altri, i più ignoranti tra gli analfabeti che lo hanno votato, ha raccontato favole semplici che anche loro possono capire.

Il protezionismo stretto e rigido, come delinea Trump, non porta benessere e sappiamo già, ad esempio, come gli Stati Uniti abbiamo forte bisogno del petrolio del Venezuela.

Palese che nel suo discorso si sia ispirato a Theresa May, primo ministro britannico almeno per le tematiche economiche. Segno che Regno Unito fuori dall'Europa e Stati Uniti di Trump (che vuole abbattere l'Euro e l'Europa unita) potrebbero stringere alleanze.

I Democratici dovranno rosicare ancora. L'errore di candidare Hillary Clinton è stato tutto loro. Obama ha sbagliato in almeno due cose nei suoi otto anni: si è interessato poco del benessere della classe media degli stati interni (le disuguaglianze interne tra stati sono fortissime) e la classa media non l'ha perdonato. L'altro grande errore è stato relativo alla politica estera. E' da dire, però, come abbia ereditato i fallimenti di Bush padre e Bush figlio e di come si sia ritrovato a gestire, purtroppo male, diversi fronti di guerra.

Trump grida: "prima l'America". Stiamo a vedere. Sappiamo che il discorso di insediamento è un'accozzaglia di banalità e propaganda come quella del restituire il "sogno americano".
Facciamolo lavorare almeno fino a quando, i veri politici che ha intorno, gli lasceranno credere di essere lui a decidere.

G.B.F.
Pin It

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Su MescalPeyoBook

Flash

Ads