Tony Currenti: il catanese alla batteria degli AC/DC in "High Voltage"


Tony Currenti registrò "High Voltage" degli AC/DCIntervista a Tony Currenti. Nel 1974 registrò 8 brani in "High Voltage", disco della band australiana Ac/Dc. Riscoperto nel 2014 da un giornalista che ha capito che lui era il Tony Kerrante indicato sulla copertina.

08-02-2017 Spettacoli

Approfondisci

La trasformazione di Google in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business …


Evento SEO 2017 - 13 dicembre 2016 - VicenzaGoogle e l'indice mobile e il suo processo di trasformazione in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business aziendale. Si è trattato del primo evento del genere in Italia ed è stato organizzato a Grisignano di Zocco (VI) presso Sanmarco Informatica spa lo scorso 13 dicembre 2016.

21-12-2016 Vicenza

Approfondisci

Condominio: non esiste il vivi e lascia vivere

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

24-05-2015 Attualità

Approfondisci

Il Lider Maximo Fidel Castro è morto a 90 anni

E' morto Fidel CastroFidel Castro, leader maximo di Cuba, è morto a 90 anni lo scorso 25 novembre 2016. Era al potere dal 1959. L'uomo che ha incarnato l'ideale della rivoluzione. "Hasta la victoria siempre. Patria o muerte!".

27-11-2016 Esteri

Approfondisci


Un Paese che si ferma due mesi l'anno... che Paese è?


Luglio e agosto: Italia in ferieMi rendo conto sempre più che l'Italia è un Paese anomalo (diciamo così). Un Paese afflitto dal 2008 da una crisi economica feroce di cui, però, la classe dirigente ha negato l'evidenza per almeno 2-3 anni.

Un Paese strano che guarda alla produttività e all'economia di altri Paesi come Stati Uniti, Germania, Giappone e che poi non riesce neppure ad imitarli malamente. Un Paese che si ispira al mito del lavoro e che poi stacca la spina per almeno due mesi: luglio e agosto.

Tutti i buoni propositi a luglio e agosto vengono meno. Si ferma - chi più giorni chi meno - praticamente di tutto o comunque si nota una certa differenza. Tutto sembra seguire in modo assurdo le cadenze dell'anno scolastico o bene o male i ritmi degli studenti.

E così se finisce la scuola a giugno si sospendono le corse dei treni. Perché? I pendolari a lavorare non vanno più? Sono in ferie fino da giugno a settembre?

Luglio e agosto è anche il valzer delle ferie. Cominciano le 2-3 settimane, a turno, per cui quando si ha bisogno di sbrigare una pratica burocratica spesso è meglio lasciar perdere. Ogni cosa spesso viene rimandata "a dopo le ferie". Peccato che le ferie - ovviamente a turno - durino l'arco di due mesi. Una certa ottimizzazione per non far venire meno servizi (sia da privati sia dal pubblico) non sarebbe male.

Sembra che con luglio e agosto si fermi il Paese. La politica - e i politici - non vedono l'ora di andare in ferie per le agognate vacanze. Ah però. Certo che se si potesse valutare la produttività di ogni singolo politico, una parte della casta sarebbe già a casa da un pezzo.
Quella possibilità di valutarli era in un certo senso la "preferenza". L'hanno tolta ovviamente. Così l'eletto, il nominato, non risponde più al popolo bensì a chi gli ha fatto avere un posto di potere senza meriti pubblici.

Ecco che scuola, trasporti, università, parte della pubblica amministrazione, si fermano. Ovvio che non si ferma tutto ma se un Paese vuole crescere, produrre, migliorare forse uno sforzo in più lo si potrebbe pure fare. Si ferma persino la magistratura per diverse settimane (anche se i tribunali rimangono aperti per emergenze).

Attenzione: nulla in contrario alle ferie però, forse, qualche giorno in meno e a turno non sarebbe così sbagliato.

Se i buoni propositi restano tali per 10 mesi (pensa un po', per due mesi si fermano persino i propositi) allora la strada è il declino.

A ben vedere tra analfabetismo, ignoranza, maleducazione, incapacità a rispettare le regole, mancanza di buonsenso, cialtroneria, mancanza di orgoglio e di dignità, l'Italia è proprio messa male.

Chi scrive, per evitare polemiche, lavora circa 14 ore al giorno. Esce di casa al mattino alle 7 e rientra alle 19. A casa lavora fino alle 23:30 ogni sera. Chi scrive ha perso il lavoro a causa della crisi diverse volte ma ha sempre cercato, studiato, si è rinnovato e ha trovato nuove occupazioni.

E va bene, non volevo essere pedante, andiamocene in ferie e basta. Ne riparliamo a settembre.

Staff



Pin It

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Su DonNitto Marketplace

Flash

Ads