Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
Gli studenti, da sempre, sono tra le categorie più facilmente strumentalizzabili dalla politica. Perché sono giovani e senza esperienza. Tutti siano in sicurezza: studenti e personale della Scuola.


Diciamo la verità, da decenni gli studenti vengono strumentalizzati dalla politica per inviare messaggi. Adesso poche decine di alunni delle scuole, ripresi dalle telecamere (chi ha avvisato i giornalisti?) mentre stanno seduti fuori da una scuola a leggere due pagine di libro, vogliono far credere che tutti gli studenti vogliono tornare in classe.

A far da contraltare a questi validi studenti ci sono anche quelli che, candidamente, hanno ammesso che vogliono tornare a scuola per fare l'intervallo con gli amici.
Ci sia detto se i genitori dei pochi volenterosi ripresi dalle telecamere (pochi rispetto a tutta la popolazione scolastica) o se loro stessi (alcuni intervistati in tv sembrano piuttosto grandicelli) facciano politica attiva e in quale partito.

Quando ero giovane io, i più impegnati erano tutti politicizzati. Erano tutti dell'ultima classe e i genitori erano profondamente interessati alla politica.

Ma non perché non possa esser vero che una parte dei ragazzi voglia tornare a scuola. Anzi, ne siamo sicuri che - specie nei Licei - ci siano ragazzi volenterosi che vogliano tornare tra i banchi.
Siamo anche sicuri, però, che non siano la maggioranza degli studenti. A tanti piace stare senza far nulla: a giocare con i videogames e stare sui social (ma se lo fanno anche in classe!!!).
 
Perché? Perché giovani lo siamo stati tutti e un punto di ritrovo per vederci l'abbiamo sempre trovato. La socializzazione per i giovani non passa solo da scuola. Una motoretta, noi, l'avevamo tutti e più o meno riusciamo a spostarci. E noi, da giovani, non avevamo gli smartphone, Zoom, Google Meet, Whatsapp, Telegram.
Noi eravamo creativi e sapevamo dove incontrarci.




Ricordo che, in tutte le scuole che ho frequentato, c'era sempre un gruppetto di ragazzi che inventavano ogni diavoleria per far chiudere la scuola: chi allagava i bagni, chi chiedeva al prof di telefonare a casa perché si sentiva male e, invece, chiamava a scuola per dire che c'era una bomba (e scattava l'allarme, l'evacuazione e tutti a casa per due giorni).
Tutte azioni deprecabili, ovvio.

Poi c'erano gli scioperi perché non c'era gasolio per i riscaldamenti o perché nei bagni del terzo piano - quelli sempre chiusi - non usciva acqua dai rubinetti.
E poi si scioperava per il diritto alla scuola (forte questa!) o perché qualcuno giurava di aver visto un topo tra i banchi. Solo uno? Io ricordo certe pantegane nei sotterranei dove trascorsi un anno di scuola. Ormai facevano lezione con noi.

Diciamocela tutta. Strumentalizzare i ragazzi per scopi politici è una operazione abietta. I ragazzi sono sicuramente in buona fede.

Il consiglio che si può dare ai giovani è di non fidarsi di certa politica e di studiare. Leggere tanti libri, viaggiare, conoscere. Solo così i loro orizzonti mentali potranno davvero espandersi.

La politica italiana, specie quella degli ultimi 25-30 anni, è davvero di basso profilo e di un livello culturale bassissimo.

Tutta la popolazione scolastica, se si deve tornare in presenza, sia messa in sicurezza. Anche i docenti e il personale della scuola siano vaccinati contro il Covid 19. Più volte abbiamo sentito dire dai tanti esperti che i giovani possono essere asintomatici.
Non si capisce, allora, il perché del divieto ad andare a trovare i nonni (anziani e dunque più a rischio. E ci sono tanti docenti prossimi alla pensione, perché dovrebbero essere messi a rischio?).

Staff



Leggi anche

Covid da gatto a uomo in Thailandia ma non ci sono prove certe

Scuola: il governo tolga la mascherina agli studenti

Save the Children: il 51% dei 15enni non capisce ciò che legge

Cerca

Cerca in Google
 
Cerca in Assud
 

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player

Business online

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Scontato su Shop Like a Bomber

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Ads

Flash