Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
I media italiani, poveri  di giornalisti veramente preparati nel settore informatico, annaspano parlando di Metaverso, 3D, Realtà virtuale. Il mondo virtuale non è affatto una novità. Se ne parla da decenni.




Il mondo virtuale, il digitale 3D, il Metaverso, la realtà aumentata sono novità solo sulle pagine di certi big media nazionali italiani che, come quando un ragazzino scopre una cosa e pensa di essere il primo a parlarne, sparano notizie a raffica su un argomento ormai vecchio che ogni tanto torna in auge.

Il mondo virtuale tridimensionale (vi ricordate il film "Tron", bene, era del 1982 ossia 30 anni fa), non è un argomento di oggi. Non è che, perché ne parla Zuckerberg, che non riteniamo affatto un grandissimo informatico (a differenza di chi ne tesse le lodi perché non ne capisce un fico secco), diventi una novità.

Storia vecchia come vecchie erano le tecnologie di 30 anni fa. Son almeno 30 anni che si parla di tridimensionalità, che spesso si applica al mondo delle aziende come si fa con la realtà aumentata, che si studia per renderla utile anche quotidianamente. Chi non ha avuto un account in "Second Life"? Una noia pazzesca.

Eppure per molti media italiani, che di strafalcioni relativi al mondo informatico ci fanno dono molto spesso da anni, si tratterebbe del  futuro. Al limite potrebbe essere il presente ma, ve lo diciamo, è il passato. Uno dei tanti temi che ogni tanto torna alla ribalta.

Di vivere la nostra giornata indossando un visore 3D non ci importa proprio nulla. La tecnologia rende stupidi e limita le capacità di pensare.




Guardate i giovani che non riescono a staccarsi dal loro smartphone: provate a farli leggere (tantissimi non sanno leggere), provate a fargli fare dei conti a mente (non ce la fanno), chiedetegli chi sia il Presidente della Repubblica (vedrete che molti non lo sanno).

La tecnologia non è "utile" se diventa solo un trend, una moda passeggera. La tecnologia "intuitiva" non rende intelligenti: è progettata affinché un bambino di 1 anno, o un anziano di 80, possano usarla facilmente.
"Intuitivo" spesso è sinonimo di "per stupidi".

Quale sarà il rischio privacy e di "controllo" totalizzante per chi indossa i visori 3D visto che se ne vuole aumentare la diffusione in modo estremo?


Volete vivere una vita virtuale collegati ad un visore 3D?
Accomodatevi in poltrona, spegnete il cervello e vivete le vostre vite finte.

Bella o brutta noi vogliamo una vita vera che non sia controllata, gestita, registrata, tracciata da altri. Men che meno da quel tizio lì.

Staff




Sostieni l'informazione libera di Assud

1) Fai una donazione
2) Acquista un banner pubblicitario (contattaci)
3) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
4) Condividi questo articolo
5) Seguici su Facebook

CLICCA E DONA CON PAYPAL

Assud non percepisce contributi pubblici per l'editoria, non riceve denaro da lobby e nessun giornalista è iscritto a partiti politici. Privandoci del denaro, gestito da politici o da affaristi, riusciamo a mantenerci liberi e indipendenti.


Leggi anche

Il rock è un modo di vivere non pubblicità per la massa

Austria: i lockdown saranno solo per chi non si vaccina

Amministrative: quando la gente non vota allora non c'è fiducia nella politica

Cerca

Cerca in Google
 
Cerca in Assud
 

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Scontato su Shop Like a Bomber

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Ads

Flash