Tony Currenti: il catanese alla batteria degli AC/DC in "High Voltage"


Tony Currenti registrò "High Voltage" degli AC/DCIntervista a Tony Currenti. Nel 1974 registrò 8 brani in "High Voltage", disco della band australiana Ac/Dc. Riscoperto nel 2014 da un giornalista che ha capito che lui era il Tony Kerrante indicato sulla copertina.

08-02-2017 Spettacoli

Approfondisci

La trasformazione di Google in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business …


Evento SEO 2017 - 13 dicembre 2016 - VicenzaGoogle e l'indice mobile e il suo processo di trasformazione in Intelligenza Artificiale e le relazioni con il business aziendale. Si è trattato del primo evento del genere in Italia ed è stato organizzato a Grisignano di Zocco (VI) presso Sanmarco Informatica spa lo scorso 13 dicembre 2016.

21-12-2016 Vicenza

Approfondisci

Condominio: non esiste il vivi e lascia vivere

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

24-05-2015 Attualità

Approfondisci

Il Lider Maximo Fidel Castro è morto a 90 anni

E' morto Fidel CastroFidel Castro, leader maximo di Cuba, è morto a 90 anni lo scorso 25 novembre 2016. Era al potere dal 1959. L'uomo che ha incarnato l'ideale della rivoluzione. "Hasta la victoria siempre. Patria o muerte!".

27-11-2016 Esteri

Approfondisci

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

Riunione di condominioDiciamola tutta: vivere in condominio non è facile in quanto bisogna rispettare tantissime regole.

Mi è capitato spesso, però, di sentire una regola non scritta. Questa: "vivi e lascia vivere" ossia ognuno fa quello che gli pare in barba alle regole, ai regolamenti, al buongusto, al rispetto degli altri condomini, al decoro del palazzo.

Non funziona così. La regola inesistente (in condominio) del "vivi e lascia vivere" è l'alibi di chi non vuol rispettare le regole.

Esiste una legge apposita (la riforma del 2012), esistono i regolamenti comunali, esistono i regolamenti condominiali ed esistono alcune regole di buonsenso e buon vicinato ossia: "la mia libertà finisce dove inizia la tua" e "non fare ad altri quello che non vorresti sia fatto a te".

Il "vivi e lascia vivere", invece, presuppone che nessuna delle regole citate sopra debba e possa essere rispettata. "Vivi e lascia vivere" dà la stura alle peggiori abitudini e alla maleducazione delle persone.

"Vivi e lascia vivere" vuol dire poter fare tutti i rumori che si vogliono a qualunque ora del giorno e della notte; presuppone il poter fare feste rumorose fino alle 4 del mattino; presuppone il poter disturbare con il rumore di lavatrici, lavastoviglie, aspirapolveri tutta la giornata.

No. Non funziona così. Il condominio deve essere la convivenza civile tra persone di diversa estrazione sociale, di diversa provenienza, che hanno abitudini diverse. Tutti devono rispettare gli altri ed evitare di fare quello che gli pare.

E' talmente semplice che, evidentemente - se stiamo qui a scriverne -, non tutti riescono a capirlo e a mettere in pratica poche regole per la convivenza civile. In realtà basta essere educati e rispettosi degli altri.

Un appartamento non è un castello e chi ci vive dentro non è un signore feudale di altri tempi che ha diritto di fare ciò che gli pare.

Per questi argomenti non ci sono differenze tra "proprietari" e "affittuari". Ho sentito spesso dire a proprietari che loro hanno più diritti di chi vive in affitto: non è affatto vero. Di certo è vero che l'educazione non sia appannaggio di tutti. E non importa avere il possesso dell'immobile.

Staff



SalvaSalva
Pin It

Flash

Ads