Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
Un'analisi di "Save The children" afferma che il 51% dei giovani italiani intorno ai 15 anni non capisce il testo che legge. La Politica rifletta sulla qualità della Scuola e dell'Università. 




Il 51% dei giovani 15enni italiani, quasi 2 milioni di persone, non capisce il testo che legge. Chiunque lavori in una scuola superiore, o abbia docenti tra le proprie conoscenze, lo sapeva già o comunque se lo immaginava.

A ricordare questo triste primato italiano è stato il presidente di Save The Children Italia Claudio Tesauro aprendo i lavori di "Impossibile" (4 giorni di riflessioni su giovani e adolescenza).

In una Nazione in cui l'analfabetismo di ritorno supera il 70% della popolazione non ci si poteva aspettare altro.




La Politica, ovviamente, ha enormi responsabilità. Fare il docente oggi, nella disastrata scuola italiana, è una missione. Mezzi, disponibilità, possibilità di fare una scuola "diversa" sono pochissime. Gli stipendi dei docenti, inoltre, sono risibili. Dopo anni di studio e di dedizione verso i ragazzi si rimane ancorati a stipendi da povertà.

La Politica, in senso lato e generale, lo sa benissimo. Un popolo ignorante è sempre ben visto (al di là delle dichiarazioni di facciata): un popolo che non conosce la Storia, che non sa leggere, che non sa scrivere, che non capisce è sempre malleabile e pronto a credere alle fake news più stupide e alla propaganda più squallida

Un popolo ignorante è un popolo che non ha strumenti per poter comprendere cosa gli accade intorno. 




Nessuno addita i ragazzi, nessuno li considera responsabili. Stanno crescendo con gli smartphone sempre in mano a guardare video imbecilli girati spesso da ignoranti che credono di fare del "cinema". 

Tutto è diventato una grande gara al ribasso. La qualità, l'intelligenza, la cultura, il gusto e il bello stanno sparendo e al loro posto si assiste inermi all'esaltazione della stupidità (iniziata con certa televisione da diversi anni). 




E in tutto questo anche la famiglia, attanagliata da mille problematiche quotidiane, ha le sue responsabilità. La scuola non è un surrogato della famiglia o un parcheggio che consente ai genitori di andare a lavorare.

Ci vuole sinergia tra scuola e famiglia. Ci vuole collaborazione.

Saranno gli stessi ragazzi a farne le spese tra qualche anno. Quando si ritroveranno a dover cercare un lavoro senza un titolo di studio e senza sapere leggere.




I figli degli appartenenti alle classi più privilegiate e attente al futuro, intanto, continuano a studiare e questo è un segnale. 
Si sta creando un divario, una separazione sociale in cui la classe "dominante" sta gettando le basi per la gestione nel tempo di privilegi e potere.

Staff




Sostieni l'informazione libera di Assud

1) Fai una donazione
2) Acquista un banner pubblicitario (contattaci)
3) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
4) Condividi questo articolo
5) Seguici su Facebook

CLICCA E DONA CON PAYPAL

Assud non è finanziato da Governi stranieri e non pubblica notizie di propaganda russa, cinese o di altri Stati.
Assud, trattandosi di un blog senza periodicità fissa, non percepisce contributi pubblici per l'editoria, non riceve denaro da lobby e nessun autore di testi è iscritto a partiti politici. Privandoci del denaro, gestito da politici o da affaristi, riusciamo a mantenere le nostre idee libere e davvero indipendenti.



Leggi anche

Covid da gatto a uomo in Thailandia ma non ci sono prove certe

Ucraina: la propaganda russa non funziona più

Ucraina: perché non fanno negoziare le donne?

Cerca

Cerca in Google
 
Cerca in Assud
 

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player

Business online

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Scontato su Shop Like a Bomber

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Ads

Flash