Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
"Stiamo a casa", "Io resto a casa". Apriamo tutto e chi vuole vivere rintanato dentro casa ci rimanga pure. Non è possibile continuare in questo modo in mezzo a paurosi traditori e delatori.

Chiaro. C'è gente che ha davvero paura. Ci sono quelli che si sono fatti prendere dal panico e si sono fatti convincere che nel mondo, ormai si muore solo di Covid 19.
Va bene. Contenti loro.

Spesso queste persone scrivono sui social che è giusto "stare chiusi in casa" e che loro "non andranno al bar o al ristorante". Va bene, contenti loro. Almeno la smettessero di fare i delatori se il vicino ospita 4 amici per una cenetta.

Hanno paura? Va bene: non vadano al bar, non vadano al ristorante, non vadano in palestra, non vadano in piscina, non vadano in gelateria, non vadano al supermercato, non vadano in discoteca, non vadano al cinema, al teatro o ai concerti, non vadano nei locali notturni. Stiano a casa.

Il punto è che non possiamo tutti continuare a stare chiusi in casa perché la politica è riuscita a convincere una minoranza - spesso con stipendio statale, pensionato o reddito di cittadinanza - che fuori dalle case gira un virus cattivo che dalle 22.01 alle 5 del mattino infetta la gente.

Non è così e quelle persone che ci credono, in fondo, ci fanno tenerezza anche se non le comprendiamo fino in fondo.

Bisogna ricominciare a vivere e, per prima cosa, è assolutamente necessario togliere il coprifuoco. Più di uno scienziato, di quelli dai nomi ormai famosi perché stanno sempre in tv, han detto che non ci sono studi scientifici che dimostrino l'utilità del coprifuoco.




E' una misura "politica" e non scientifica per cui in base all'articolo 16 della Costituzione Italiana, il coprifuoco è una decisione non legittima.

L'articolo 16 recita così:
Ogni cittadino può circolare e soggiornare liberamente in qualsiasi parte del territorio nazionale, salvo le limitazioni che la legge stabilisce in via generale per motivi di sanità o di sicurezza. Nessuna restrizione può essere determinata da ragioni politiche.

In assenza di motivazioni scientifiche, e non ce ne sono, il coprifuoco è solo una restrizione determinata da ragioni politiche per cui non è lecita.

Ci diano degli studi scientifici oppure il coprifuoco sia spazzato subito via. E si riaprano tutte le attività.

Siamo in primavera inoltrata: la gente vuole lavorare e non sperare in un nuovo modello di società comunista in cui lo Stato elargisce elemosine insufficienti e fa morire il libero mercato, le aziende e i lavoratori.

Stanno massacrando anche il Turismo. La stagione sciistica è già saltata. Perdiamo anche quella estiva? Piovono disdette.

Possibile che chi governa non abbia il coraggio di andare oltre le chiusure?

Staff

Sostieni l'informazione libera di Assud

1) Fai una donazione
2) Acquista un banner pubblicitario (contattaci)
3) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
4) Se una pubblicità ti interessa cliccala
5) Condividi questo articolo
6) Seguici su Facebook

CLICCA E DONA CON PAYPAL

Assud non percepisce contributi pubblici per l'editoria, non riceve denaro da lobby e nessun giornalista è iscritto a partiti politici. Privandoci del denaro, gestito da politici o da affaristi, riusciamo a mantenerci liberi e indipendenti.


Leggi anche

Cristiano Ronaldo va al Manchester United. Alla Juventus 28 milioni di euro

Calcio: l'Inter ne fa 4 al Genoa. Per la Juventus rigore contro e goal annullato

Per chi semina nel pianto - Speranza del fiore | Recensione

Cerca

Cerca in Google
 
Cerca in Assud
 

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Scontato su Shop Like a Bomber

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Ads

Flash