Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
In Italia, dal fronte governativo, è stato ripetuto più volte che andare a votare sarebbe pericoloso per cui bisognerà accontentarsi di governi sempre meno stabili man mano che si va avanti. Sicuri che nel resto del mondo non si vada a votare a causa del Covid 19?

Diamo prima uno sguardo alla situazione italiana.

Alla Camera il Governo Conte aveva già la fiducia in virtù della maggioranza assoluta per cui una "non notizia" è diventata notizia da prima pagina (mentre si potrebbe dare più spazio alle aziende in crisi e ai mancati ristori).

Al Senato la maggioranza non è assoluta. Alla fine la votazione si è chiusa con un 156 pari. 156 senatori per il sì a Conte, 140 per il no e 16 astenuti (dunque 156 no). La differenza sta nella qualità dei voti: il centrodestra è compatto. La maggioranza, invece, deve considerare 3 voti di altrettanti senatori a vita (che non vanno al Senato per ogni votazione per cui sarà bene contare 153) e 4 voti di senatori che hanno cambiato all'ultimo secondo (e che potranno cambiare ancora, dunque). I voti certi per la maggioranza, insomma, sono 149.

Il problema adesso è nelle Commissioni del Senato dove si sposta la partita. Lì, il governo, non ha maggioranza e si rischia il blocco dell'attività parlamentare a discapito della nazione.

Da più parti è stato invocato il voto anche in Italia. Esponenti politici della maggioranza si sono affrettati a dire che in piena pandemia (però anche l'influenza stagionale è una pandemia che miete vittime ogni anno, ndr) non è sicuro andare al voto.

Sicuro che sia così? Nel resto del mondo non si vota? Troppi italiani bevono con l'imbuto qualunque cosa gli si dica perché non è affatto vero che non si vota, e non si è votato, nel resto del mondo. In alcuni stati le elezioni sono state rinviate ma la pandemia non è mai stato motivo per non votare.




Elezioni svolte nel 2020

  • 29 febbraio: elezioni in Slovacchia
  • 2 marzo: elezioni in Israele
  • 15 marzo e 28 giugno: elezioni municipali in Francia
  • 26 giugno: elezioni politiche in Serbia
  • 5 luglio: elezioni legislative in Croazia
  • 10 luglio: elezioni in Singapore
  • 12 luglio: elezioni in Polonia
  • 15 luglio: elezioni parlamentari in Macedonia del Nord (erano fissate per aprile)
  • 5 agosto: elezioni Sri Lanka
  • 9 agosto: elezioni in Bielorussia
  • 30 agosto: elezioni in Montenegro
  • 11 e 25 ottobre: elezioni in Lituania
  • 17 ottobre: elezioni in Nuova Zelanda
  • 18 ottobre: elezioni presidenziali in Colombia
  • 3 novembre: elezioni presidenziali USA
  • 8 novembre: elezioni in Myanmar
  • 10 novembre: elezioni in Giordania, Tanzania e Costa d'Avorio
  • 15 novembre: elezioni presidenziali in Moldavia
  • 6 dicembre: elezioni legislative in Venezuela

Paesi chiamati al voto nel 2021
In tante Nazioni le date per il 2021 non sono ancora state fissate ma è comunque previsto il voto popolare.

  • 10 gennaio: elezioni in Kirghizistan e Kazakistan
  • 14 gennaio: elezioni in Uganda
  • 24 gennaio: elezioni presidenziali in Portogallo
  • 25 gennaio: elezioni a Trinidad e Tobago
  • 7 febbraio: elezioni in Ecuador
  • 8 febbraio: elezioni in Somalia
  • 12 febbraio: elezioni parlamentari in Catalogna
  • 21 febbraio: elezioni assemblea nazionale in Laos
  • Febbraio/Marzo: elezioni in Giamaica, Belize, El Salvador, Antigua, Barbuda, Honduras, Curacao
  • Marzo: si vota di nuovo in Israele
  • 13 marzo: elezioni in Australia
  • 17 marzo: elezioni legislative in Olanda
  • Primavera: elezioni in Kosovo
  • 28 marzo: parlamentari in Bulgaria (in autunno elezioni presidenziali)
  • Aprile: elezioni isole Samoa
  • 11 aprile: elezioni assemblea Costituente in Cile, elezioni in Perù
  • 25 aprile: elezioni parlamentari in Albania
  • 6 maggio: elezioni nel Regno Unito, Scozia e Galles
  • 23 maggio: elezioni parlamentari a Cipro
  • 23 maggio: elezioni assemblea nazionale in Vietnam
  • 5 giugno: elezioni in Etiopia
  • 18 giugno: elezioni presidenziali in Iran
  • 6 luglio: elezioni in Messico
  • 5 settembre: elezioni parlamento di Hong Kong
  • 19 settembre: elezioni legislative in Russia
  • 26 settembre: elezioni per il parlamento federale in Germania (elezioni nei lander il 14 marzo, 25 aprile, 6 giugno, 20 giugno)
  • 15 e 16 ottobre: elezioni parlamentari in Repubblica Ceca
  • 24 ottobre: elezioni in Argentina
  • Novembre: elezioni regno di Tonga, elezioni presidenziali e parlamentari in Cile
  • 13 novembre: elezioni in Norvegia
  • 25 novembre: elezioni in Islanda
  • Fine anno: elezioni in Nicaragua

Dunque in Italia, solo secondo alcuni politici, votare sarebbe un rischio. Praticamente in tutto il mondo la pandemia non ha fermato e non fermerà la democrazia e si continuerà a votare.

Staff

Sostieni l'informazione libera di Assud

1) Fai una donazione
2) Acquista un banner pubblicitario (contattaci)
3) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
4) Se una pubblicità ti interessa cliccala
5) Condividi questo articolo
6) Seguici su Facebook

CLICCA E DONA CON PAYPAL


LA FRASE
di Henry David Thoreau

“Tutti gli uomini riconoscono il diritto alla rivoluzione, quindi il diritto di rifiutare l'obbedienza, e d'opporre resistenza al governo, quando la sua tirannia o la sua inefficienza siano grandi ed intollerabili.”





Pin It

Leggi anche

In Italia troppa incertezza: turisti inglesi e americani verso la Grecia

Il virus c'è. Bisogna conviverci e ricominciare a vivere

Omero e Cicerone "suprematisti bianchi". Non c'è limite all'ignoranza negli USA

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player


Prodotti a prezzi bassi

Tanti prodotti a PREZZI BASSI

www.prezzibassi.shop


Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Su MescalPeyoBook

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Flash

Ads