Bestseller di Amazon     |     Il meglio di Ebay.it

Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
In Italia, dal fronte governativo, è stato ripetuto più volte che andare a votare sarebbe pericoloso per cui bisognerà accontentarsi di governi sempre meno stabili man mano che si va avanti. Sicuri che nel resto del mondo non si vada a votare a causa del Covid 19?

Diamo prima uno sguardo alla situazione italiana.

Alla Camera il Governo Conte aveva già la fiducia in virtù della maggioranza assoluta per cui una "non notizia" è diventata notizia da prima pagina (mentre si potrebbe dare più spazio alle aziende in crisi e ai mancati ristori).

Al Senato la maggioranza non è assoluta. Alla fine la votazione si è chiusa con un 156 pari. 156 senatori per il sì a Conte, 140 per il no e 16 astenuti (dunque 156 no). La differenza sta nella qualità dei voti: il centrodestra è compatto. La maggioranza, invece, deve considerare 3 voti di altrettanti senatori a vita (che non vanno al Senato per ogni votazione per cui sarà bene contare 153) e 4 voti di senatori che hanno cambiato all'ultimo secondo (e che potranno cambiare ancora, dunque). I voti certi per la maggioranza, insomma, sono 149.

Il problema adesso è nelle Commissioni del Senato dove si sposta la partita. Lì, il governo, non ha maggioranza e si rischia il blocco dell'attività parlamentare a discapito della nazione.

Da più parti è stato invocato il voto anche in Italia. Esponenti politici della maggioranza si sono affrettati a dire che in piena pandemia (però anche l'influenza stagionale è una pandemia che miete vittime ogni anno, ndr) non è sicuro andare al voto.

Sicuro che sia così? Nel resto del mondo non si vota? Troppi italiani bevono con l'imbuto qualunque cosa gli si dica perché non è affatto vero che non si vota, e non si è votato, nel resto del mondo. In alcuni stati le elezioni sono state rinviate ma la pandemia non è mai stato motivo per non votare.




Elezioni svolte nel 2020

  • 29 febbraio: elezioni in Slovacchia
  • 2 marzo: elezioni in Israele
  • 15 marzo e 28 giugno: elezioni municipali in Francia
  • 26 giugno: elezioni politiche in Serbia
  • 5 luglio: elezioni legislative in Croazia
  • 10 luglio: elezioni in Singapore
  • 12 luglio: elezioni in Polonia
  • 15 luglio: elezioni parlamentari in Macedonia del Nord (erano fissate per aprile)
  • 5 agosto: elezioni Sri Lanka
  • 9 agosto: elezioni in Bielorussia
  • 30 agosto: elezioni in Montenegro
  • 11 e 25 ottobre: elezioni in Lituania
  • 17 ottobre: elezioni in Nuova Zelanda
  • 18 ottobre: elezioni presidenziali in Colombia
  • 3 novembre: elezioni presidenziali USA
  • 8 novembre: elezioni in Myanmar
  • 10 novembre: elezioni in Giordania, Tanzania e Costa d'Avorio
  • 15 novembre: elezioni presidenziali in Moldavia
  • 6 dicembre: elezioni legislative in Venezuela

Paesi chiamati al voto nel 2021
In tante Nazioni le date per il 2021 non sono ancora state fissate ma è comunque previsto il voto popolare.

  • 10 gennaio: elezioni in Kirghizistan e Kazakistan
  • 14 gennaio: elezioni in Uganda
  • 24 gennaio: elezioni presidenziali in Portogallo
  • 25 gennaio: elezioni a Trinidad e Tobago
  • 7 febbraio: elezioni in Ecuador
  • 8 febbraio: elezioni in Somalia
  • 12 febbraio: elezioni parlamentari in Catalogna
  • 21 febbraio: elezioni assemblea nazionale in Laos
  • Febbraio/Marzo: elezioni in Giamaica, Belize, El Salvador, Antigua, Barbuda, Honduras, Curacao
  • Marzo: si vota di nuovo in Israele
  • 13 marzo: elezioni in Australia
  • 17 marzo: elezioni legislative in Olanda
  • Primavera: elezioni in Kosovo
  • 28 marzo: parlamentari in Bulgaria (in autunno elezioni presidenziali)
  • Aprile: elezioni isole Samoa
  • 11 aprile: elezioni assemblea Costituente in Cile, elezioni in Perù
  • 25 aprile: elezioni parlamentari in Albania
  • 6 maggio: elezioni nel Regno Unito, Scozia e Galles
  • 23 maggio: elezioni parlamentari a Cipro
  • 23 maggio: elezioni assemblea nazionale in Vietnam
  • 5 giugno: elezioni in Etiopia
  • 18 giugno: elezioni presidenziali in Iran
  • 6 luglio: elezioni in Messico
  • 5 settembre: elezioni parlamento di Hong Kong
  • 19 settembre: elezioni legislative in Russia
  • 26 settembre: elezioni per il parlamento federale in Germania (elezioni nei lander il 14 marzo, 25 aprile, 6 giugno, 20 giugno)
  • 15 e 16 ottobre: elezioni parlamentari in Repubblica Ceca
  • 24 ottobre: elezioni in Argentina
  • Novembre: elezioni regno di Tonga, elezioni presidenziali e parlamentari in Cile
  • 13 novembre: elezioni in Norvegia
  • 25 novembre: elezioni in Islanda
  • Fine anno: elezioni in Nicaragua

Dunque in Italia, solo secondo alcuni politici, votare sarebbe un rischio. Praticamente in tutto il mondo la pandemia non ha fermato e non fermerà la democrazia e si continuerà a votare.

Staff

Sostieni Assud

1) Fai una donazione
2) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
3) Seguici su Facebook


CLICCA E DONA CON PAYPAL



Assud non è finanziato da Governi stranieri e non pubblica notizie di propaganda russa, cinese o di altri Stati.
Riflettiamo sulle notizie che i media ci propongono.

Assud, trattandosi di un blog senza periodicità fissa, non percepisce contributi pubblici e non riceve denaro da lobby.






Leggi anche

Energia: i ministri europei non hanno il coraggio di intervenire per abbassare i

#VARgogna trends su Twitter. Se si danneggia la Juventus non è un problema

In Ucraina si combatte per la democrazia e la libertà dell'occidente

Ebay - Coupon 10 €

Smartphone su Ebay

Smartphone in offerta senza spese di spedizione su Ebay

Syndication

Tutti i contenuti di Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Integratori Vhansek


Ads

Flash

Foodspring