Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
E' morta Raffaella Carra, icone di stile ed eleganza e ultima grande soubrette della tv italiana.

Aveva 78 anni Raffaella Carrà prima di intraprendere l'ultimo viaggio che la porterà, come ha detto Sergio Japino, in "un mondo migliore".

Chiunque abbia seguito la tv italiana dai suoi inizi, anche solo mediante programmi che ripropongono spezzoni di programmi cult, sa bene quanto sia stata importante Raffaella Carrà per la tv italiana.

Una delle prime grandi soubrette: sapeva ballare, sapeva cantare, conduceva programmi tv e, dall'alto della sua riservatezza, non si prestava mai a facili gossip. Non era una prezzemolina e non aveva bisogno di presenziare ad ogni costo nei salotti della tv: era una vera star della tv e la sua fama era ovunque riconosciuta.

Raffaella Carrà rimarrà un mito nel mondo dello spettacolo mondiale con citazioni ed elogi da big della musica. Rimangono nella storia dello spettacolo alcune sue canzoni, alcuni balletti, alcune trasmissioni.
E' stata lei una dei primi artisti ad importare i ritmi spagnoli nella musica italiana: altro che reggaeton.

Era e rimarrà una icona che ha segnato uno stile. Quel suo caschetto biondo è diventato la pettinatura di migliaia e migliaia di donne nel tempo.




Raffaella Carrà è uno di quei personaggi entrato nelle famiglie italiane come Mike Bongiorno, Corrado, Sandra e Raimondo. Uno di quei personaggi così forti che tanti lo sentono veramente come parte del nucleo familiare.

Rimane un patrimonio colossale di trasmissioni tv da cui le giovani, che vogliono diventare soubrette, possono imparare. La Carrà era una perfezionista, studiava sempre e molto e non lasciava nulla al caso.

La tv italiana, da oggi, è un po' più povera. Troppi personaggi, troppi pseudo-vip, che affollano la tv oggi non sono minimamente all'altezza della Carrà. I tempi sono cambiati e la tecnologia, internet, i video non aiutano la professionalità nel mondo della tv che oggi insegue solo i numeri senza cercare e dare qualità.

Staff

Sostieni l'informazione libera di Assud

1) Fai una donazione
2) Acquista un banner pubblicitario (contattaci)
3) Fai un acquisto su www.harleystiitalia.com
4) Condividi questo articolo
5) Seguici su Facebook

CLICCA E DONA CON PAYPAL

Assud non percepisce contributi pubblici per l'editoria, non riceve denaro da lobby e nessun giornalista è iscritto a partiti politici. Privandoci del denaro, gestito da politici o da affaristi, riusciamo a mantenerci liberi e indipendenti.


Cerca

Cerca in Google
 
Cerca in Assud
 

Podcast

In attesa dei podcast di Assud.it,
file audio Jazz da Bensound.com


Pagina del Player

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Scontato su Shop Like a Bomber

Syndication

Tutti i contenuti e gli articoli su Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Le redazioni interessate a ripubblicare gli articoli possono contattarci.
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Ads

Flash