Cafè Racer: il sabato pomeriggio per i motociclisti è al Mada Cafè Club …

Cafè Racer è l'appuntamento del sabato pomeriggio per i motociclisti e i bikers al Mada Cafè & Club. Basta avere una due ruote a motore!
L'EVENTO E' FISSATO PER IL GIORNO 8 GIUGNO 2019. DALLE 17 ALLE 20.


01-05-2019 Veneto e Nordest

Approfondisci

Ineluttabile: che tristezza imparare questo termine da un film

Ineluttabile. In tanti hanno scoperto questo termine solo grazie a un film. Forse la gente dovrebbe ricominciare a leggere i libri.

01-05-2019 Cultura

Approfondisci

Condominio: non esiste il vivi e lascia vivere

"Vivi e lascia vivere". In condominio non esiste"Vivi e lascia vivere": la regola condominiale inesistente ideata da chi, probabilmente, non vuol rispettare le regole.

24-05-2015 Attualità

Approfondisci

Tony Currenti: il catanese alla batteria degli AC/DC in "High Voltage"


Tony Currenti registrò "High Voltage" degli AC/DCIntervista a Tony Currenti. Nel 1974 registrò 8 brani in "High Voltage", disco della band australiana Ac/Dc. Riscoperto nel 2014 da un giornalista che ha capito che lui era il Tony Kerrante indicato sulla copertina.

08-02-2017 Spettacoli

Approfondisci

Addio ad Umberto EcoE' morto Umberto Eco. Il professore che amava studiare ed amava insegnare. Lascia un vuoto nella cultura italiana e del mondo intero.


E' morto il professor Umberto EcoPrima di tutto Umberto Eco - morto il 19 febbraio 2016 a 84 anni - era il professor Eco. Amava insegnare e comunicare le sue conoscenze. Amava studiare ed aveva ormai una quarantina di Lauree.

Non era uno di quei "personaggi" da salotto televisivo che i media impongono al pubblico come personaggi di cultura. La tv è infestata ormai da pseudo-critici d'arte, pseudo scrittori, reality dedicati a scrittori da mezza tacca.
Eco (foto: fonte da internet) era miglia più in alto di questi personaggi. La sua "casa" era l'Università e, forse, l'Università era lui stesso.

Il suo messaggio era chiaro: bisogna studiare. Non conta quanto hai studiato fino ad ora. L'importante è che cominci a farlo subito di nuovo senza smettere mai. Era curioso Eco. La sua curiosità lo spingeva a conoscere sempre di più. Una intelligenza acuta e un grande ingegno.

"Non oportet studere sed studuisse" , conta aver studiato, non studiare. Ed Eco ha studiato, tanto, davvero e con piacere.

E' stato sicuramente uno dei più grandi intellettuali italiani a cavallo tra il '900 e il nuovo secolo. Forse il più grande.

Rimarrà nella storia la sua recente affermazione dedicata ai social network che su internet danno voce a "legioni di imbecilli" che prima parlavano solo al bar e che adesso possono parlare allo stesso modo di un premio Nobel. Imbecilli che prima venivano zittiti dagli amici e che, adesso sui social, possono dire quello che vogliono.

Tutti i media del mondo ricordano la passione di Eco per il Medioevo e citano il suo romanzo "Il nome della rosa". Di questo libro lui disse "lo odio, è il mio peggior romanzo".
Che tutti i media oggi citino quel romanzo come tributo ad Eco lascia intendere che forse Eco non lo conoscevano poi così tanto. Forse il "coccodrillo" era già pronto da tempo.

Peccato. Una occasione persa per tributare onore ad un grande intellettuale come Eco di cui, sembrerà incredibile, ho apprezzato tantissimo - oltre agli studi di Semiotica - anche il manuale "Come si scrive una tesi di Laurea". L'ho studiato e ne ho seguito le indicazioni quando ho scritto la mia tesi. Un libro che ancora oggi consiglio ai giovani laureandi e, sopratutto, ai loro docenti.

G.B.F.

 



Odio "Il nome della Rosa"



Internet ha dato voce a legioni di imbecilli




Pin It

Libro Bukowski e il cinema

Nuovo libro su Charles Bukowski

Fuck Hollywood
Bukowski e il cinema

Novità libro su Bukowski

Su MescalPeyoBook

Flash

Ads