Bestseller di Amazon     |     Il meglio di Ebay.it

Articoli in (c)Riproduzione Riservata


Pin It
Da un po' di tempo si verificano episodi in cui alcuni giovani dimostrano insofferenza nei confronti dell'operato delle Forze dell'Ordine. Una deriva preoccupante. Un flash mob a Vicenza.

Flash mob a Vicenza a sostegno delle Forze dell'Ordine

VICENZA -
Centinaia di persone hanno dato vita, sabato 29 agosto alle 11, nel capoluogo berico ad un flash mob a sostegno delle Forze dell'Ordine e, in particolar modo della Polizia, dopo la vicenda che ha avuto come protagonisti un poliziotto e un ragazzo di origine cubana.
Vicenza che ha avuto clamore nazionale e che qualcuno ha cercato, ingenuamente, di presentare come un caso Floyd italiano. Nulla di più dilettantesco sul fronte giornalistico.

Una vicenda che non meritava neanche clamore se non, appunto, per la strumentalizzazione del "razzismo" che qualcuno cerca di infilare ovunque anche quando non se ne vede traccia. Come nella vicenda vicentina.

Al di là della vicenda che avrà la sua storia giudiziaria - che noi non seguiremo perché veramente poco interessante - c'è da dire solo una cosa: ad un controllo di Polizia se vi chiedono i documenti, come è normale che accada, consegnateli. Basta poco, è una cosa normale, non accade niente. Fa parte del lavoro di routine.

Il baillame mediatico, invece, ha fatto sì che persone come Valter Dalla Bona, Mirko Lavarda e tanti altri decidessero di portare in piazza una parte della città a sostegno delle Forze dell'Ordine. Evidentemente, in città, si sentiva l'esigenza di far sentire solidarietà e vicinanza a chi, in divisa, ha giurato fedeltà ai valori dello Stato.

Una manifestazione, quella vicentina, nonostante la presenza di esponenti politici riconducibili al centrodestra, che non ha mostrato forme e simboli di appartenenza partitica. Del resto le Forze dell'Ordine non hanno tessere di partito. Ognuno, tolta la divisa, può avere le proprie idee. Niente di più normale.

Rimane un pensiero per i giovani che stanno crescendo a suon di social network, reality show e videogames. La famiglia deve recuperare un ruolo educativo fondamentale. I giovani devono avere dei valori e devono rispettarli.

In questo anche la Scuola deve fare la sua parte e insegnare ai giovani diritti, doveri e valori.

Staff












Leggi anche

Voteremo chi avrà nel programma il sostegno all'Ucraina. Gli italiani: ecco cosa

Paternò (CT) - Riconoscimento allo storico Vincenzo Fallica

Covid 19 - Disastro contagi in Germania e Austria. In Italia va meglio

Ebay - Coupon 10 €

Smartphone su Ebay

Smartphone in offerta senza spese di spedizione su Ebay

Syndication

Tutti i contenuti di Assud.it sono a riproduzione riservata (c).
Si chiede, cortesemente, di non fare copia&incolla.

Integratori Vhansek


Ads

Flash

Foodspring